-187

490,00 €

Anno: 2019

Materiali: Puzzle, vetro, cornice in abete

Dimensioni: 125 x 87 x 5 cm

Qty:
Aggiungi al carrello Non in magazzino Ultimi articoli in magazzino

  • Pagamenti sicuri tramite SSL Pagamenti sicuri tramite SSL
  • Spedizioni rapide entro 6gg lavorativi Spedizioni rapide entro 6gg lavorativi
  • Resi disponibili per prodotti non conformi Resi disponibili per prodotti non conformi
  • artworks
  • ArtWork-001

Descrizione

L'opera d'arte si è sviluppata come esperienza personale nell'autunno del 2019. Mentre i suoi abitanti si sono preparati come meglio potevano per la marea insolitamente alta che era stata prevista quella notte, la città di Venezia è stata colpita da un livello record di inondazioni per tutta la sera di 12 novembre 2019, dove l'acqua del mare ha raggiunto i 187 cm sopra il suo solito segno in laguna.

La violenta tempesta e le inondazioni hanno pervaso tutta la Venezia storica, livellando i progetti di costruzione, l'industria alimentare della città, gli archivi della biblioteca e le collezioni dei musei. I quartieri brulicanti di piccole vetrine locali sono stati chiusi dall'oggi al domani. Il dipinto "Der Canale Grande" di Friedrich Nerly fu completato nel 1840, ed è una vista dell'estetica ed eterna bellezza dal Ponte dell'Accademia. Eppure ora ciò che è rappresentato nel puzzle inizia ad avere senso solo per contrasto, nella mente dell'artista.Come la situazione si capovolge tra la natura, la laguna e la sua città, Venezia, così è anche la composizione del puzzle segnata da questo evento storico.

187 pezzi in totale sono stati rimossi dal dipinto, alludendo al livello dell'acqua del 12 novembre. Ad ogni centimetro d'acqua corrisponde un pezzo di puzzle sottratto. Le prime ad essere rimosse furono le figure umane in "Der Canal Grande", poiché gli abitanti in visita abbandonarono la città.

Questa è stata seguita da una decostruzione più lenta delle facciate degli edifici e della cupola della Salute. L'artista denuncia i due principali problemi che affliggono la città di Venezia: l'abbandono della città in tempi di conflitto da parte degli abitanti e l'abbandono politico per la speculazione del Mose nel corso di molti anni, un sistema che aveva lo scopo di proteggere la città da maree eccezionali come il uno del 2019, ed è stato invece al centro di corruzione e scandali politici negli ultimi 10 anni.